Connect with us

Calcio

Sancataldese contro il Bari: “Volevate il tappeto rosso?”

Sono passate poco meno di 24 ore dalla conclusione di Sancataldese-Bari, incontro valevole per la seconda giornata di ritorno del Girone I del campionato di Serie D. A spuntarla, come è noto, sono stati i galletti che hanno così ottenuto la quindicesima vittoria stagionale, nonché il diciannovesimo risultato utile di fila (stabilendo un nuovo record nella storia del club).

Dopo il triplice fischio, tuttavia, le analisi dei media, più che del primato del Bari, che ieri ha accresciuto il suo vantaggio sulla Turris portandosi addirittura a +12 sul club campano, sono state focalizzate sulla coda polemica dell’incontro con la società biancorossa che si è chiusa nel silenzio stampa, lamentandosi del trattamento ricevuto dalla società ospitante (si vocifera addirittura di un’aggressione nei confronti del tecnico Cornacchini).

A seguito delle parole del team manager del Bari Matteo Scala, è arrivata una dura replica da parte dei vertici della Sancataldese, che – attraverso la propria pagina ufficiale su Facebook – hanno diffuso una smentita alle accuse da parte dei pugliesi.

Sancataldese-Bari, una grande festa, una giornata storica, almeno per noi […]. Complimenti anche alla sportività dei tifosi baresi presenti allo stadio. Peccato invece, dover smentire qualche “pseudo-dirigente” barese che non ha fatto altro che accusare noi per l’accoglienza e per il trattamento riservato prima e dopo la partita. Non so come sono abituati a farsi accogliere, ma la nostra professionalità ha riservato al Bari l’accoglienza calorosa che diamo sempre a tutte le squadre che vengono a giocare la Domenica al Valentino Mazzola, sempre all’insegna del rispetto, della cordialità e dell’amicizia.

Effettivamente abbiamo dimenticato solo una cosa: il “tappeto rosso”, ma lo annoteremo per la prossima volta che ci incontreremo, se è questo che vi abbiamo fatto mancare! Anzi, lo segnaleremo anche alle altre squadre del nostro girone, visto che non è la prima volta che fate queste sceneggiate di vittimismo…

Arrivare allo stadio e lamentarsi perché non gli abbiamo mandato la scorta dall’hotel in cui alloggiavano sino ad arrivare allo stadio è ridicolo…forse ci avete scambiato per una filiale della questura o della Digos…vorrei ricordarvi che del servizio scorte, non se ne occupa la società ospitante …ma è un servizio offerto dalla Polizia di Stato solo quando loro lo ritengono opportuno. […].

Pretendere spogliatoi climatizzati, o con poltrone “massaggianti”, lamentarsi di giocare in uno “stadio da terzo mondo”…forse siete abituati troppo bene o forse dovete resettare qualcosa… Siamo meravigliati di aver visto un atteggiamento di superiorità dei giocatori baresi sin dall’inizio; giocatori che vantano presenze in A o serie B, ma senza educazione ed etica non si va da nessuna parte! Mettersi a tu per tu con l’arbitro, vedere il difensore centrale concedere all’arbitro una plateale e “generosa” spallata sin dal primi minuti, o altri giocatori baresi faccia a faccia a rimproverare duramente il direttore di gara per far capire chi sono loro…è imbarazzante per chi veramente ama il calcio.

Vedere il loro mister inveire contro il guardalinee e l’arbitro dal primo all’ultimo minuto, con toni alquanto minacciosi, è imbarazzante. Vedere qualche “pseudo-dirigente” inveire contro le forze dell’ordine per pretendere fortemente e maleducatamente di entrare negli spogliatoi nel fine partita, solo perché loro sono i dirigenti del bari calcio, è imbarazzante (meno male che un dirigente veramente professionale fosse presente nel loro team e che ha saputo mantenere la situazione, cercando di spiegare ai suoi che stavano sbagliando di grosso… cosi come si deve fare). Se questi personaggi sono abituati ad altre categorie, che vadano solo nelle categorie in cui sono abituati, ma senza inquinare il nostro sano calcio con la prepotenza o solo perché voi siete dirigenti o giocatori del Bari Calcio o perché avete militato in serie A o B.

La sudditanza psicologica che i giocatori e i dirigenti del bari hanno messo in atto dal primo all’ultimo minuto non rappresenta la Società del Bari, che è guidata da dirigenti di tutto rispetto, dotati di grande professionalità. Mi auguro che chi di dovere nel Bari Calcio ne prenda atto e declassi queste figure alle “categorie” che veramente meritano. Non Vi permettiamo nel modo più assoluto di inveire contro la nostra Società, una società piccola si, ma sana, rispettosa e che da sempre il benvenuto a tutti e nel migliore dei modi. Non accettiamo il fatto che, solo perché siete il Bari Calcio, dobbiamo gettarci ai vostri piedi come se foste una divinità. Questo a casa nostra non esiste e non esisterà mai! #respect

baritoday

Advertisement

Altre notizie in Calcio