Connect with us

Calcio

Calcio, Bari ko anche sul campo della Turris: 1-0. L’ira di Cornacchini: “Poco agonismo”

Un Bari deludente perde 1-0 lo scontro diretto sul campo della Turris e spreca il primo match point per salire in C. Il vantaggio sulla squadra campana si riduce a nove punti. La Turris mercoledì 6 febbraio recupererà la partita rinviata contro il Rotonda, però, con la prospettiva di riaprire il campionato. Per i biancorossi è la seconda sconfitta in campionato, la seconda di fila in trasferta.

“Sono arrabbiato, ci voleva più agonismo”, il commento a caldo dell’allenatore Cornacchini, che per l’occasione aveva irrobustito  la difesa aggiungendo Cacioli a Mattera e Di Cesare sacrificando centrocampista Hamlili. Ma dopo appena 20 secondi di gioco il suo proposito ha rischiato di naufragare quando il Bari si è fatto sorprendere centralmente da una giocata della Turris che ha liberato Guarracino davanti alla porta di Marfella, bravo a respingere d’istinto. Anche il Bari potrebbe sbloccare il risultato, ma la grande giocata di Brienza, sombrero e sinistro di controbalzo, manda la palla a infrangersi sulla traversa, la seconda colpita dal capitano del Bari contro la squadra campana dopo quella dell’andata.

Prima dell’intervallo ci sono un paio di potenziali occasioni per il Bari, poco lucido al momento di lasciare il segno. Ma la prestazione dei biancorossi diventa insufficiente dopo l’intervallo, quando la Turris alza i ritmi di gioco. Il Bari va in affanno e l’emblema del disagio è nel fallo evitabile di Cacioli al limite dell’area, dal quale al 17′ scaturisce il gol che fa impazzire di felicità il pubblico dello stadio Liguori: sulla punizione Marfella respinge, i difensori biancorossi sono poco reattivi e Riccio insacca senza difficoltà.

Incassato il gol, il Bari si proietta in avanti ma con poche idee. Cornacchini mette in campo le due torri Iadaresta e Pozzebon e quest’ultimo non sfrutta l’unica azione degna di nota, colpendo di testa centralmente da buona posizione. Nel finale è quasi rissa fra i due allenatori. Ma a fare festa è la Turris, che da oggi sogna la grande rimonta.

bari.repubblica.it

Advertisement

Altre notizie in Calcio