Connect with us

Notizie

Luigi De Laurentiis, un innovatore a Bari

Un menisco operato può cambiarti la vita, anche se non è il tuo? La risposta è sì, perché è quello che è successo nel 2004 a Luigi De Laurentiis, neo presidente del Bari, in quelle che sono le sliding doors della vita. Allora il 25enne figlio maggiore di Aurelio ha appena finito gli studi sulla cinematografia alla University of Southern California, dove si sono laureati registi del calibro di George Lucas e Robert Zemeckis, ed è indirizzato a una carriera di produttore cinematografico a Los Angeles, anche al fianco del famosissimo zio Dino. Invece, ha raccontato Luigi: “Mio padre si era operato al menisco e annoiandosi in clinica lesse del fallimento del Napoli. Siccome quando lui è fermo impazzisce, perché di solito lavora anche la domenica alle 6 del mattino, ha provato un acquisto che anni prima era fallito con Ferlaino. A quel punto, rilevato il Napoli dal Tribunale, ha chiamato dicendomi di rientrare, perché con gli impegni nel calcio avrei dovuto occuparmi di più della Filmauro. E invece di restare a lavorare in California, sono tornato a Roma”.
due figli e tante ideeE così Luigi si è buttato subito nella produzione dei famosi Cinepanettoni e galeotto è risultato quello del 2007, “Natale in crociera” (campione d’incassi), perché sul set ha conosciuto Michelle Hunziker, con la quale ha avuto una relazione durata un anno. E dalla successiva compagna, la modella americana Brooke, ha avuto due figli: Isabel, 6 anni, e Luca Aurelio di 4.
innovazioneÈ la mission di Luigi nel pieno della maturità, visto che il prossimo aprile compirà 40 anni. Non solo cinema, il giovane produttore è impegnato sul mondo digitale, cercando nuovi talenti su Youtube, investendo nelle nuove tecnologie e occupandosi per il Napoli del settore merchandising ed e-commerce. In particolare è una idea sua quella della video-clip, un vero e proprio “corto”, realizzato per il lancio della nuova maglia Kompat del Napoli, che ha avuto riscontri notevoli sul web e soprattutto nelle vendite. Anche per l’apertura del primo store al mondo di un club di calcio su Amazon.
BARI CHIAMA LONDRA — E Luigi si è trovato proprio a Londra, verso la fine di luglio, quando il papà lo ha chiamato per chiedergli di prendersi questo nuovo incarico a Bari. Discuteva con i manager di Amazon sulla produzione di nuove serie tv, che riguardano anche il Napoli. Per lanciarsi sempre in nuove esperienze. Idee e innovazioni che vuole ora portare a Bari, dove il progetto è sportivo ma anche di rilancio dell’immagine di una città e di una regione riconoscibili nel mondo. Per questo Luigi, seguendo gli insegnamenti di una famiglia che ha fatto la storia del cinema, ora si trasferirà a Bari. Per calarsi in questa nuova realtà e affrontarla. Ci tiene a riportare la squadra nella massima serie, anche se ci vorrà per forza di cose qualche anno. Tempo che servirà per far crescere la società e renderla competitiva quando si riaffaccerà ai vertici. Luigi è un altro De Laurentiis cocciuto, che non conosce vie di mezzo. Speriamo sia una garanzia per una piazza che ha bisogno di certezze dopo anni di illusioni e delusioni.
Gazzetta
Advertisement

Altre notizie in Notizie